Le terme portuarie di Barcino

I romani si stabilirono sulla Pianura di Barcellona per costruire un porto. La ragione, dunque, per l’origine della città è stato il commercio, che di solito avveniva sulla spiaggia o nel porto naturale ai piedi della collina di Montjuïc.

Una città nata per commerciare

Non sappiamo con certezza se sia stato costruito un porto artificiale, sebbene nel 2013 sia stata trovata una diga di contenimento che potrebbe farne parte.
Lo studio di questa diga è molto interessante, come altrove nell’Impero (spicca Cesarea Marittima), visto che i materiali utilizzati sono diventati sempre più resistenti al contatto con l’acqua.

Specialità locali

Dall’antica Barcino venivano esportati vino, pesce e garum. Lo sappiamo grazie alle numerose anfore trovate in diverse parti dell’impero, come Pompei, la valle della Garonne, la valle del Rodano o la stessa Roma.

Barcino era anche famosa per il commercio degli schiavi, che era un vero prodotto di lusso. Uno schiavo costava tra i 2000 e gli 8.000 sesterzi. Un contadino poteva vivere un intero anno con 400 sesterzi e un legionario ne guadagnava 900 all’anno. Pertanto, solo le classi più ricche potevano acquistarli.

Come qualsiasi altra città romana, Barcino aveva numerosi spazi pubblici. Uno dei più popolari erano le terme.

Su entrambi i lati del Portale del Mar, nel I-II secolo d.C., furono costruiti due complessi termali pubblici, uno per gli uomini e l’altro per le donne.

Con le nuove fortificazioni che furono realizzate nel s. III le terme sono state rimodellate. La costruzione usata dagli uomini divenne parte delle nuove fortificazioni. Quelle delle donne furono lasciate fuori dal muro e distrutte anni dopo. Tuttavia, oggi possiamo vedere i suoi resti nella Via Regomir.

Rilassarsi nelle terme

All’interno dei bagni c’era un circuito basato su un percorso di diverse temperature: la stanza dell’acqua fredda, la stanza dell’acqua calda e la stanza dell’acqua tiepida.
C’era anche una sala per i massaggi e una palestra.

Da questo complesso termale si conservano la piscina di acqua fredda e i resti di un’altra stanza, ma sembra che l’intero complesso originale fosse di circa 1.500 m2.
Le sue dimensioni mostrano l’importanza della Barcino romana. Commercianti, marinai e viaggiatori da tutto il mondo li usavano come luogo di incontro e scambio commerciale, e lì ottenevano le informazioni per fare affari migliori in città.

Puoi scoprire altri resti romani di Barcino nel nostro tour della Barcellona medievale

E se vuoi saperne di più sul passato romano di Barcellona, ​​guardate qui.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.