Il dietro-coro della cattedrale di Barcellona

Il dietro-coro della cattedrale di Barcellona è una meraviglie artistiche conservate all’interno. Si trova di fronte all’ingresso principale e rappresenta i martiri della Santa Patrona della cattedrale, Santa Eulalia.

Eulalia era una ragazza cristiana di tredici anni che viveva a Barcellona all’inizio del IV secolo d.C. Nell’anno 303, l’imperatore Diocleziano dichiarò una persecuzione contro i cristiani, che sarebbe stata l’ultima, ed Eulalia è diventata oggetto di questa persecuzione. Poiché la famiglia di Eulalia era ricca, Daciano, il governatore di Barcino voleva che lei sposasse suo figlio. Ma lei ha rifiutato. Per farle cambiare idea, l’hanno arrestata e torturata tredici volte. Una per ciascuno dei suoi anni. Ma Eulalia fu miracolosamente salvata da tutti loro, fino a morire definitivamente crocifissa.

I quattro panelli scultorei che decorano il muro del dietro-coro della cattedrale spiegano alcuni dei martiri che Eulalia a sofferto. Il primo di loro, a sinistra, rappresenta Eulalia di fronte al tribunale che l’ha processata. I tre successivi mostrano alcuni dei martiri che subirono: la flagellazione nel secondo, come fu posta su carboni ardenti nel terzo e come è stata crocifissa su una croce a forma di X, nell’ultimo.

Nel 1517 il Capitolo della Cattedrale di Barcellona approvò l’assunzione di Bartolomé Ordoñez, uno dei migliori scultori ispanici del momento. L’intenzione era construire il muro del dietro-coro. Ordoñez progettò la costruzione di una grande opera scultorea realizzata in marmo di Carrara e che doveva essere completata in otto anni.

Ma nel 1520 la morte di Catalina, la moglie di Ordoñez, ha provocato un’enorme depressione nello scultore. Fu allora che decise di trasferirsi a Carrara e fondare la sua bottega. In esso lavorò ossessivamente per alcuni mesi, ma nel dicembre dello stesso anno anche Ordoñez è morto, ai piedi delle cave.

Era stato in grado di completare solo 2 dei 4 pannelli. Quindi il lavoro del dietro-coro è rimasto incompiuto. Fu solo nel 1562 che il capitolo della cattedrale decise di assumere un nuovo scultore, Pere Villar, per completare il progetto. È stato incaricato di completare i due pannelli mancanti. In effetti, se osserviamo il lavoro scultoreo di ognuno di essi, è molto facile identificare la mano di diversi artisti.

Quando potremo uscire di nuovo, e tornate a Barcellona, non dimenticare una visita al Quartiere Gotico, compreso l’interno della Cattedrale, per vedere queste e altre opere artistiche conservate all’interno.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.