Joan Miró: Personaggio di fronte al sole

Joan Miró si stabilì nel suo studio a Maiorca nel 1956. Il suo amico Jose Luís Sert aveva disegnato per lui un nuovo spazio creativo con quelle linee razionaliste che gli piacevano così tanto. Lì è stato in grado di continuare la sua ricerca della semplicità. La poesia della pittura che ha realizzato attraverso il suo linguaggio, quello dei simboli.

Il Personaggio di fronte al sole, dal 1968, è un esempio della gestualità controllata che caratterizzano le opere di Miró di quel tempo e che sono esposti alla Fondazione Miró di Barcellona.

In questo lavoro, Joan Miró usa il colore bianco come base. Un bianco che supporta il resto dei colori. Non esiste un’area in cui il bianco non sia accompagnato da qualche nota cromatica o da qualche segno. Miró non ha bisogno di dipingere l’intero quadro. Secondo lui, dovevano esserci spazi vuoti. Quindi il subconscio dello spettatore li potrebbe completare.

L’incorporazione del resto dei colori aiuta a delimitare chiaramente le divisioni e le zone libere. Nonostante la natura spontanea dell’opera, Miró l’ha sempre considerata nel suo insieme. Pertanto, la cancellazione di un singolo elemento provocherebbe lo squilibrio del tutto. Tutte le pennellate sono controllate per raggiungere quell’equilibrio.

Il personaggio è il triangolo delimitato da linee nere. Miró ha fatto ogni riga in un solo colpo e non si preoccupava troppo dei limiti. Sono linee che definiscono il contorno e che gocciolano. Il fatto che la figura sia un triangolo ci aiuta a posizionarla. Senza una linea dell’orizzonte che ci posiziona nello spazio, se la figura non avesse quella forma triangolare, avremmo la sensazione che fluttui nello spazio.

Nel 1944 Miró aveva viaggiato negli Stati Uniti. Lì ha conosciuto il lavoro di Jackson Pollock e Arshile Gorky. Le gocce di Miró, a differenza di quelle di Pollock, sono gocce controllate e cadono proprio come l’artista vuole che cadano. Nulla è lasciato al caso.

Miró affermava che nel lavoro di Pollock aveva trovato la libertà che stava cercando. Con il suo esempio aveva capito che poteva andare ben oltre i suoi limiti. “ In qualche modo, la pittura murale americana mi ha liberato”.

Joan Miró è nato a Barcellona e la città è sempre stata molto presente nel suo lavoro e nella sua vita. Stiamo preparando una nuova visita basata su alcuni degli spazi di Barcellona che ci mostrano opere di Miró o momenti importanti della sua vita. Speriamo di averlo pronto molto presto. Nel frattempo, ti invitiamo a continuare a navigare nel nostro blog e a continuare #viaggiandodacasa.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.