L’ospedale della Santa Croce a Barcellona

In questi giorni in cui tutti guardiamo con ammirazione i medici, le infermiere e il personale sanitario, ci avviciniamo all’ospedale medievale di Barcellona. Ci seguite?

Modernizzare la sanità

All’inizio del XIV secolo, gli ospedali di Barcellona si trovavano in una situazione molto precaria. Le successive epidemie di peste che colpirono la popolazione durante quel secolo causarono che nel 1370 le autorità municipali decisero di rimodellare il principale ospedale della città, l’Ospedale di Desvilar.

Il nuovo ospedale fu iniziato nel 1401 ed era il risultato della fusione di quattro piccoli centri ospedalieri. Due di loro appartenevano al Capitolo della Cattedrale: gli ospedali dei canonici Colom i Vilar. Gli altri due erano gestiti dal Consell de Cent, il consiglio comunale di governo: l’ospedale Marcús e Desvilar.

Per gestire il nuovo ospedale è stato deciso di creare una nuova istituzione, con un nome curioso. La M.I.A. la Molto Ilustre Amministrazione è stata fondata con questo obiettivo in mente ed era composta da due canonici e due consiglieri comunali.

Nello stesso anno fu ampliato con l’aggiunta del vecchio ospedale lebbroso, l’ospedale di San Lázaro e l’ospedale Santa Eulalia, che era la Casa de Convalescenza.

Sanità pubblica nel XV secolo?

Il nuovo ospedale aveva una capacità di 500 letti. Forniva servizi medici, ma anche assistenza, a qualsiasi tipo di persona, fossino essi cittadini, viaggiatori, pellegrini o persone senza tetto, GRATUITAMENTE.

Gli ospedali medievali operavano con denaro proveniente da enti di beneficenza, elemosine, lasciti testamentari e il lavoro volontario di confraternite e confraternite religiose.

Ma c’erano altre forme di finanziare l’ospedale.

Spesso le entrate su queste strade non erano sufficienti. Quindi gli ospedali avevano una serie di privilegi concessi dalle autorità che permettevano loro di ottenere i soldi necessari.

Uno dei privilegi di cui godeva l’Ospedale de la Santa Croce era che gli permetteva di conservare tutte le proprietà personali e immobili del defunto in ospedale e che non avesse degli eredi. Così, in pochi anni, l’ospedale divenne il principale proprietario di fattorie e terreni in città.

Ma forse il più noto dei privilegi erano le commedie. L’ospedale si è riservato il diritto di ripresentarne in città. Gli spettacoli erano eseguiti in un Corral de Comedias, successivamente diventato il Teatro Principal.

Il vecchio ospedale ha funzionato fino all’inizio del XX secolo. La crescita della città l’ha costretta a modernizzarsi di nuovo.

Ma questo te lo spigheremmo un altro giorno.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.