Padiglione Mies van der Rohe

Nel 1929 si è tenuta a Barcellona l’esposizione internazionale. Hanno partecipato rappresentazioni di paesi di tutto il mondo e molti di loro si sono presentati con i loro padiglioni. Oggi, di tutti quelli costruitti possiamo vedere solo alcuni dei padiglioni spagnoli e quello della Germania, il padiglione Barcellona, ​​costruito da Ludwig Mies van der Rohe.

Una porta di ingresso, oppure di uscita

Il padiglione tedesco si è progettato in meno di un anno ed era progettato per ospitare l’accoglienza ufficiale del re Alfonso XIII con le autorità tedesche

L’architetto, Ludwig Mies van der Rohe, e i suoi collaboratori hanno respinto il posto che originalemente era stato assegnato e hanno scelto un luogo molto più tranquillo, fuori degli spazi più visitati.

A parte il fatto che in questa ubicazione il Padiglione offriva diverse perspective, era sulla strada per il Pueblo Español, una delle principali attrazioni dell’Esposizione Internazionale del 1929; l’edificio situato al centro del passaggio, diventava così un punto di transito per i visitanti.

Less is more

I muri non solo creano spazio, ma dirigono il movimiento dei visitatori. Ciò si ottiene perché le superfici delle pareti sono spostate l’una dall’altra. Si mostrava solo la struttura, senza area espositiva, visto che quello che s voleva mostrare era il padiglione stesso.

L’intero edificio si appoggia su una superficie in marmo di travertino e le piccole lastre del tetto sono supportate da colonne in acciaio inossidabile cromato che danno la sensazione di un controsoffitto sospeso.

Mies van der Rohe, che proveniva da una famiglia di commercianti di marmo, usava pietre di alta qualità e una varietà cromatica: travertino romano, marmo verde degli Alpi, marmo verde greco e onice algerino. Inoltre, il cemento viene usato in molte delle sue possibilità, non solo come elemento strutturale, ma anche per dettagli decorativi esterni.

Il Mies van der Rohe Pavilion, oggi

Il padiglione di Barcellona, ​​così come viene chiamato ufficialmente, fu smontato nel 1930, ma nel 1980 l’architetto comunale Oriol Bohigas promosse un’iniziativa per ricostruirlo. La ricostruzione è stata completata nel 1986, anno in cui è stato commemorato il Centenario della nascita di Mies van der Rohe.

Puoi vedere il padiglione Mies van der Rohe nel nostro tour Alla scoperta di Barcellona.

Se volete saperne più, guardate lo site Fundacio Mies van der Rohe.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.